Progetto architettonico e strutturale di una cantina vinicola – Valpolicella Negrar (Verona)

La trasformazione della cantina in un centro culturale del vino è l’occasione per creare un ambiente stimolante con zone aperte, percorsi e spazi interattivi che favoriscono il confronto tra le persone.

Il concept progettuale prende spunto dall’innesto della pianta, riproponendo il “viaggio” della vinificazione attraverso l’espressione architettonica. L’intervento consiste nell’ampliamento dello stabilimento esistente: metaforicamente, il vecchio edificio rappresenta la pianta esistente, con piazze e volumi che figurano la crescita dell’innesto; i legami sono rappresentati dal percorso, elemento principale di congiunzione tra vecchio e nuovo, che porta i visitatori alla scoperta del prodotto. Il tema dell’innesto viene ripreso anche nell’uso dei materiali, infatti la facciata orientale è caratterizzata da una pelle trasparente che lascia intravedere l’edificio esistente che man mano diventa sempre più opaca fino, a trasformarsi integralmente nel nuovo intervento.

La pelle e il tetto sono elementi tecnologici: le lastre colorate che caratterizzano le facciate sono in realtà pannelli fotovoltaici e la copertura diventa un vero e proprio campo di giovani vigneti.

Info progetto

  • Team di progetto: Akka architects
  • Cantina vinicola
  • 2014
  • Concorso di idee
  • Verona, Valpolicella Negrar
Date: 20.05.2018
Workshop
Share: